I miei giorni 90210

Nessuno riesce a definirla bella, eppure – per noi ragazzi italiani cresciuti a cartoni giapponesi e telefilm americani – Los Angeles riesce a diventare un’esperienza da raccontare con l’espressione di chi ha ancora il dubbio che sia accaduta veramente.

hollywood-explorer-pass

Surreale con tratti di cinematografia pura, la vita a Los Angeles è probabilmente quanto di più lontano dalla cultura europea, dal nostro senso del bello e dal nostro senso del gusto.  Non so dire cos’è stato. Forse il lusso sfrenato ostentato a Beverly Hills. Forse quel senso di onnipotenza che solo un benessere economico che sa di tracotanza riesce a rendere effettivamente accessibile. Forse il fatto che il rombo delle Lamborghini, delle Ferrari e delle Maserati a Rodeo Drive confonde più di una serata techno-house. Ma l’espressione perplessa sui volti di chi ha avuto modo di viverla, anche solo per un attimo, è la descrizione più intellettualmente onesta che si possa condividere sulla città. Perché in nessun posto ho visto così tante contraddizioni tutte insieme e un classismo di maniera che è cornice di un approccio alla vita comunque vario e poliedrico.

Un blockbuster d’annata.

los-angeles-cosa-vedere.jpg

Los Angeles è Pasadena, Santa Monica, Venice, Hollywood, Beverly Hills, lo sfarzo del glamour delle ville milionarie. E’ gli immensi spazi tra un centro e l’altro, la sporcizia delle strade di periferia, la stravaganza dei personaggi che affollano gli autobus, la percezione netta, nettissima, di un ché di finto che è terribilmente vero. Come le Porsche blu puffo e i clochard recitano il Faust.

E poi c’è il mito.

Sarei voluta arrivare a Hollywood nei primi anni ’90, probabilmente all’apice del suo splendore e nel pieno dello star-system, quando Brad Pitt aveva ancora i capelli lunghi e Winona Rider diventava l’icona di un’intera generazione con i suoi rossetti scuri e l’attitudine grunge da ragazza un po’ persa e un po’ incazzata.

La prima sensazione che ho avuto quando ho messo piede sulla Walk of fame si è concretizzata nell’immagine di una vecchia gloria che oggi mostra i segni del tempo vestita esclusivamente del suo fascino eterno.

hollywood-walk-of-fame.jpg

Ma la scritta che campeggia sul Monte Lee era e rimane un monito costante: ricordati di sognare.

E tu, ragazzo 90210 che California here we come,  tu, che senti riecheggiare nell’eternità la leggenda di Richard Gere che dal tetto della limousine gridava a Julia Roberts “Vivian!!! Principessa Vivian!!” non riesci a non pensare al confine tra la realtà e la finzione che vedi fondersi intorno a te.

Che sei parte del film che stai guardando.

O che, a ben guardare, sei l’unicum del viaggio stai scrivendo.

hollywood-celebrity-homes-tour-in-burbank-184214

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...